Federica Zucchini

federica zucchini  01
Federica Zucchini
Che cos'è per te la fotografia?
Fotografare è comprendere il significato del tempo e altro ancora.
L'altro è un altrove ampio, esteso, profondo, un piccolo infinito indescrivibile.
Così è per me.
Parlaci del tuo sguardo e di come lo alimenti.
Non si nutre lo sguardo, si asseconda.
Lo lascio libero di vagolare, vagabondare, indagare e scrutare.
A volte è impertinente e indiscreto, sposta il velo, fruga tra le pieghe; è coraggioso, apre pertugi nell'oscurità e permette alla luce di entrare.
Ma è anche timido e insicuro, incerto inciampa e scivola, tentenna e si riempie di lacrime. Lo sguardo è un'impronta che segna l'immagine, ci resta dentro per sempre.
Come scegli le tematiche che affronti e cosa ti leghi ad esse?
La fotografia non è il mio mestiere.
Non sono una fotografa, faccio fotografie.
Mi piace fotografare ciò che vedo, non costruisco le immagini, non le metto in scena, ma quando le osservo ho sempre l'impressione che assomiglino a qualcosa che era già dentro di me: forse un sogno, forse un desiderio che alza la voce, forse un sentimento potente oppure un'emozione più forte delle altre.
In riferimento al lavoro presentato, raccontaci come è nato e come l'hai sviluppato.
Fabbricare ricordi è un viaggio che si chiama vita.
Nasce dal desiderio, semplice e naturale, di salvare la memoria di attimi fugaci destinati a perdersi.
Quale potrebbe essere la destinazione ottimale per questo tuo lavoro? E perché?
Non ho dubbi, l'album di famiglia sarebbe il posto migliore del mondo.
Tuttavia mi piace pensare che queste immagini potrebbero essere capaci di suscitare emozioni in chi è in grado di emozionarsi per le cose semplici della vita.
In che modo la tua vita quotidiana influenza il tuo lavoro e viceversa?
La fotografia è il mio prediletto spazio di libertà.
Dentro la fotografia mi sento libera di essere me stessa e di esprimermi.
Cosa pensi della fotografia italiana contemporanea?
Non sono in grado di rispondere.
Quali aspirazioni hai per il futuro?
Vivere con tanta luce dentro e innamorarmi ogni giorno.
Non smettere di custodire la speranza ardita di incontrare sempre, durante il viaggio della vita, la forma ideale per manifestare quello che tengo dentro di me.
Galleria "Fabbricare ricordi"
"Fabbricare ricordi" è un viaggio chiamato vita.
Biografia
Sono nata.
Ho donato la vita.
Tutto il resto è da inventare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>